Lo yin e lo yang dei baffi

È il 2022, i baffi sono tornati di moda e, come sempre, le persone sono divise. "Il mondo ha bisogno di affrontare una dura verità: il 99% dei baffi non ha un bell'aspetto", scrive Benjamin Davis. È un pezzo satirico, ma nella sezione dei commenti dell'articolo, una donna di nome Kristen interviene: "I baffi non stanno bene a nessuno. Solo ewww!” Un'altra donna di nome Carol scrive: "Grazie, grazie. Odio i baffi.” 95 persone hanno applaudito (l'equivalente di un voto positivo su Reddit) il commento di Carol.

Il disprezzo per i baffi non è una nuova risposta o un pigro atto d'accusa di uno stile che è stato a lungo dormiente agli occhi del pubblico. È una storia che si è ripetuta più e più volte, anche all'apice della popolarità dei baffi.

41 anni fa, i baffi di Freddie Mercury hanno fatto la loro prima apparizione. Ora conosciuto come il baffo chevron, è diventato uno degli stili di baffi più iconici di tutti i tempi.

Ma nel 1980, la nuova barba di Mercury ha incontrato una ferma resistenza. In Queen: As It Began, Jacky Gunn e Jim Jenkins scrivono che il nuovo look di Mercury, in particolare i baffi, ha causato "il dolore di molte delle sue fan". E Nicole Rosenthal sottolinea in un articolo per Grunge che: "Inutile dire che la reazione iniziale dei media e dei fan è stata critica, con segnalazioni di fan che portavano rasoi usa e getta ai concerti e li lanciavano sul palco in una supplica disperata".

Mercury si curava poco delle opinioni negative sul suo "baffo". Semmai, era divertito dall'avversione per questo. In una registrazione di un concerto dei primi anni '80, Mercury chiede alla folla cosa ne pensano, solo per far seguire agli applausi e ai fischi una semplice dichiarazione: "Non me ne frega un cazzo, in realtà. Sono i miei baffi e li terrò!”

Freddie Mercury non sarebbe l'ultima superstar a creare una spaccatura tra i fan per una striscia di labbra.

Il frontman dei Red Hot Chili Peppers Anthony Kiedis ha iniziato a sfoggiare i baffi nel 2011, spingendo un fan a creare una petizione su Change.org per "Fare in modo che Anthony si radesse i baffi".

I baffi di Justin Bieber hanno ricevuto una risposta simile negli ultimi anni. E come Freddie Mercury, Bieber sembra divertirsi nelle reazioni avverse.

Ma mentre Mercury amava sinceramente il suo gallone, Bieber sembra essere più divertito dall'idea dei suoi baffi e meno interessato ai baffi veri e propri. Secondo una stazione radio canadese, "'Lui [Bieber] sente che per anni è stato il ragazzo carino e ama quanto tutti lo odiano e pensa che sia esilarante", ha detto un insider. "Non gli piace nemmeno lui stesso, ma più la gente lo odia, più a lungo vuole tenerlo.'"

Nel 2022, i baffi si trovano a un bivio un po' storico. Da un lato, sono più popolari di quanto non siano stati in più di tre decenni e, dall'altro, anche i loro portatori più popolari non riescono a scrollarsi di dosso l'idea che i baffi siano il bersaglio dello scherzo.

È quello che Matt Wolk, un insegnante di storia nel Wisconsin, chiama "yin e yang del machismo e della presa in giro". Matt si è dilettato con i baffi negli ultimi dieci anni. Ma ha indossato un robusto manubrio per la maggior parte degli ultimi cinque anni. Assomiglia a Charles Bronson oa un uomo forte del XIX secolo.

Matt dice che la sua esperienza è cambiata quando i suoi baffi si sono riempiti e sono diventati più prominenti. "Mi ci è voluto del tempo per capire come certe persone mi guardassero o mi trattassero in modo diverso nel corso e nello sviluppo dei miei baffi... come, una notevole differenza dai colleghi agli amici e alla famiglia. Ragazzi casuali che ti fermano a parlare, tutto perché non ti sei rasato il labbro. Ero a una fiera della contea e un tizio mi ha fermato educatamente e ho sorriso. Ha detto: 'Sai cosa sto per dire, vero?'”

Ma ha anche affrontato il ridicolo per i primi due o tre mesi di crescita. "Stache porno, ragazzo inquietante, tutta quella roba ti viene incontro ... È perché la cultura pop lo ha fornito come un facile punto di riferimento per tutti?" si chiede Matteo. "Farà più venire voglia di tagliare quella dannata cosa... o chiamare l'artiglieria con la barba."

Molti uomini non si permettono mai di prendere sul serio i baffi perché farlo si aprirebbe allo scherno e alle critiche. Come cultura, di certo non siamo timidi nell'esprimere la nostra antipatia per le decisioni di stile delle persone, e questo non si applica nemmeno a un solo genere. Sui social, tutti sono un bersaglio aperto.

Certo, ci sono quelli che sono ferventi sostenitori dei baffi.

In un articolo del 2006 scritto per il New York Magazine, una scrittrice di nome Sara Stewart è stata citata dicendo: "Nel ragazzo giusto, i baffi sono più caldi di qualsiasi altro pelo sul viso. Ha una specie di cosa supermaschile degli anni Settanta. Pensa a Tom Selleck, Richard Roundtree, John Holmes... Per me, suggerisce, 'Sono abbastanza bravo a letto che non me ne frega un cazzo se pensi che la mia barba sia ridicola.'”

L'inclusione delle parole "sul ragazzo giusto" è un tema comune utilizzato dalle persone che vedono favorevolmente i baffi. È un asterisco su una valutazione generalmente positiva. Dice: "Amo i baffi, ma... solo nello scenario giusto".

Quel gigante MA è ciò che rende i baffi così seducenti. L'idea che sia un aspetto difficile da "togliere" rende i baffi fantastici più di un unicorno rispetto a qualsiasi altro tipo di barba. Quando i baffi funzionano davvero, hanno un impatto enorme.

L'IDGAF sul tuo atteggiamento da status quo è anche legato a ciò che fa o si rompe i baffi. È l'impegno incrollabile di Sam Elliott per il "stache". È Freddie Mercury che dice ai suoi fan che in realtà non gli importa cosa pensano del suo aspetto o dell'incessante spinta del Dr. King per un futuro migliore. Oppure è la commedia stand-up dei primi anni '80 di Eddie Murphy in tuta di pelle che offende chiunque. Tutti avevano programmi drasticamente diversi, ma il punto è che gli uomini che hanno reso iconici i baffi non sono interessati a ciò che la gente pensa di loro.

La storia ci dice anche che quando il cambiamento sociale è in corso, i baffi non sono molto indietro. Quindi, ha senso che nel 21° secolo, i Millennials sarebbero la generazione che difende i baffi e li sposta verso una nuova frontiera. Dopotutto, sono la generazione che è stata propagandata come avente aspirazioni così alte per cambiare il mondo.

I millennial sono visti come i principali responsabili di riportare i baffi: questo è lo yin. Lo yang è che i Millennial sono anche i più espliciti nel loro disprezzo per i baffi. E non è davvero una sorpresa che la generazione che ha inventato alcuni dei suoi soprannomi più dannosi, il pornstache e il pedostache, sia resistente al suo risveglio.

I termini pornstache e pedostache hanno iniziato a comparire su Internet nei primi anni 2000 e sono aumentati a valanga per tutto il decennio. Sono profondamente radicati nel nostro lessico. È più probabile che le persone sappiano cosa sono un baffo di pornografia e un baffo di pedofilia rispetto a un chevron o un baffo di tricheco. O peggio, è più probabile che vedano tutti i baffi come baffi e pedofili.

Ha senso: i millennial sono cresciuti con un quadro di riferimento molto limitato per i baffi.

Negli anni '90, gli unici baffi erano indossati da uomini sopra i 40 anni, wrestler professionisti, personaggi storici, poliziotti di sitcom e Ron Jeremy. E, naturalmente, nessuno ti biasimerebbe se essere esposto a Ron Jeremy in tenera età fosse abbastanza per rovinarti definitivamente i baffi.

Inoltre, c'è l'immagine dell'uomo baffuto socialmente inetto o sessualmente deviante che permeava la cultura pop nei primi anni 2000. Pensa a Kip e allo zio Rico nel film del 2004 Napoleon Dynamite. Ancora di più, pensa Ryan Gossling nel film del 2007 Lars and the Real Girl, in cui Gossling dai baffi biondi si innamora di una bambola del sesso.

Tutto culmina in una dichiarazione semplice: se indossi i baffi, sei un verme, o "quei baffi ti fanno sembrare lo zio di qualcuno ... che è un verme".

Basti dire che il mazzo è stato accatastato contro i baffi fin dal primo giorno per i Millennial. È per questo che i baffi hipster che hanno iniziato a comparire negli anni 2000 erano così ironici, dovevano esserlo.

Ma forse è la nostra ricerca senza fine di assegnare un significato a tutto ciò che è il punto cruciale della divisione dei baffi.

"I baffi di oggi potrebbero essere catturati in circoli di ironia che mordono e giocano con secoli di tentata virilità, ma allo stesso tempo stanno sfuggendo alla tirannia irta che li ha ispirati per così tanto tempo", scrive John Ortved in un articolo di Esquire intitolato, The Moustache Is Fiorente. Ma cosa significa?

Cosa significa quando un uomo si fa crescere i baffi? Quale messaggio sta cercando di trasmettere? Che punto sta cercando di fare?

Ma soprattutto, cosa succede quando non sappiamo cosa significano i baffi?

L'ignoto ci mette a disagio. Vogliamo essere in grado di guardare qualcuno e avere un'idea generale di chi sono e in cosa credono. È qualcosa che sarebbe stato più facile da fare in passato.

Nel 19° secolo, i baffi potevano farti etichettare come un soldato o un fuorilegge, ma potevano anche farti etichettare come un dandy, un tizio o un damerino. Negli anni '50, un paio di baffi larghi avrebbe potuto insinuare che eri un marxista, mentre un paio di baffi più sottili poteva indurre le persone a pensare che fossi un re di Hollywood. Negli anni '60, un paio di baffi poteva significare che eri contro la guerra, e negli anni '70, potrebbe aver implicato che eri un deviante sessuale.

Ma potrebbe anche essere solo la storia revisionista ad assegnare un significato ai baffi del passato. Perché per chi li indossa, i baffi non significano mai una cosa sola.

“Sono un papà, marito, figlio, insegnante e molte altre cose. Detto questo, quando le persone mi vedono, spesso vedono prima i baffi. Tende ad essere il biglietto da visita di chi lo indossa... Penso che sarà sempre un simbolo di forza, ma la forza arriva in tanti pacchetti e angoli in cui vedere", afferma Matt Wolk.

I baffi sono e sono sempre stati complessi e sfumati come quelli che li indossano. Ecco perché i baffi possono essere "papà" e possono anche essere "ohhh, papà". Possono essere inquietanti e possono essere accattivanti. E alla fine, le persone hanno il diritto di essere respinte da loro e ugualmente il diritto di amarle.

Sono solo anni che ci guarderemo indietro e diremo: "ah sì, quei baffi degli anni 2020 significavano bla bla bla".

Quindi, nel frattempo, se vuoi farti crescere i baffi, vai avanti e fallo crescere un po'. Ma poi di nuovo, se stai cercando l'approvazione per i tuoi baffi, potresti perdere il punto.